Un’idea che avevo in mente da tempo

In realtà non è mia, però
Un paio d’anni fa mi era piaciuto un sacco un post di mammaimperfetta (ora non sono in grado di ritrovarlo ma voi magari con più pazienza, eccetera), da cui prendo spunto per quel che sto per scrivere.
Forse sapete o forse non sapete che esiste uno strumento di Google – detto Analytics – che ti svela un sacco di cose interessanti sul tuo blog: per esempio quante persone al giorno lo visitano, quante pagine guardano, se vivono in Zambia o Kirghizistan.
Una delle voci più divertenti si chiama “sorgenti di traffico” e in pratica ti dice che tipo di ricerche ha fatto la gente su Google per arrivare fino da te. Allora ho fatto una classifica (provvisoria: c’è un sacco di materiale) delle “chiavi di ricerca” che portano al blog Erounabravamamma. Alcune persone cercavano proprio me, altre no, e sono le più divertenti:
1. La parola chiave “Quaquerello” ha generato 53 visite.
2. “Sepia smettere di allattare” (scritto proprio così. Che vorrà dire?) ha generato la bellezza di 11 visite.
3. “Neonato testa sudata”, 11 visite. Questo mi fa molto ridere. Cioè mi fa ridere immaginare una mamma con bebé dal cranio grondante che digita su Google come una disperata, in cerca di rimedio al suo problema (rimedio che, di sicuro, sul mio blog non ha trovato).
4. “Libro mamma prima di essere”, ha generato 9 visite. Cioè, ma come parlano queste? Sarebbe se dicessi io come ho che un blog parla che mamme di e figli.
5. “Aggigghio” ha generato 5 visite. Ricordo bene il mio post sull’aggigghio. Se volete rileggerlo, è qui.
6. “Mamme putanne”, 3 visite. Scritto proprio così, con una ti e due enne.
7. “Tecniche sofrologia bambini”, 3 visite. Ecco questo è un mistero. Perché non so cos’è la sofrologia, e non mi ricordo di aver mai usato questa parola.
8. “Bambino 1 anno e mezzo gioca solo con pentole”, 2 visite. Be’ c’è di peggio nella vita, no?
9. “Cane corso cosa deve mangiare la mamma appena partorito”, 1 visita, ma non capisco cosa c’entra il cane.
10. “Video porno mamma e figlia si divertono insieme”, 1 visita, si commenta da sé. Come anche “A mio figlio di 8 anni dopo una botta fa subito livido”. E per finire, il meglio: “Aiuto qualcuno mi sa dire cosa può voler dire avere il dito mignolo del piede che mi brucia e mi fa molto male che sale fino al polpaccio”. Io certamente no.

Ho molto altro materiale e se il tema vi appassiona lo pubblico volentieri. Però attendo feedback: voi, per esempio, come mi avete trovato?

34 commenti su “Un’idea che avevo in mente da tempo

  1. A me hanno trovato anche con suocera porca, suocera incinta del genero e varie amenità di questo tipo. Rimane un mistero come da quella chiave di ricerca si possa arrivare al mio blog! Ti ho trovato girovagando da un blog mammesco ad un altro. ^__^

  2. io ti ho “scoperta” cliccando su un tuo commento ad un post su un altro blog che mi aveva fatto schiantare dalla sedia per le risate!!!
    non ho un blog ma se l’avessi mi affascinerebbe molto questo mondo sommerso della barra di google!

    Marta

  3. Io ho trovato il tuo blog tra i preferiti in un altro blog di qualcuno che ogni tanto viene nel mio, di blog (molto meno popolare del tuo, sigh!). Una faccenda tra bloggers, insomma.

  4. Io ti ho trovata tramite il blogroll. Confermata dopo aver letto i tuoi libri (grandissima!)
    Anche io uso analytics… ecco posso dirti che al momento tra tutte le key words, il premio della critica tra i miei visitatori per caso va a chi mi ha trovato digitando

    blog di suocere zoccole

    No cioè!

  5. io ti prego…fammi smettere di ridere…
    cioè qualcuno ha digitato questa frase?? “Aiuto qualcuno mi sa dire cosa può voler dire avere il dito mignolo del piede che mi brucia e mi fa molto male che sale fino al polpaccio”???????
    ma scherziamooooo????
    ora lo faccio pure io….anche se non credo troverò molto
    io non ho usato google per trovarti…ma ti ho pescato da qualche altro blog di mamme 😀

  6. Io ti ho trovato perchè un tuo amico (mio insegnante di traduzione tempo fa…forse hai capito chi è) mi mandò il tuo link per dire che il tuo libro era molto divertente e pubblicizzando il tuo blog. Aveva ragione :-)

  7. mi era venuta anche a me l’idea!! Dopo aver visto che qualcuno è arrivato da me digitando: Mia figlia si è tolta le mutandine davanti ai cuginetti” O__o ho capito che era il caso di iniziare una classifica!!
    Ma come funziona quel sito?? ci ho provato a registrarmi ma non capisco niente!!

  8. @goldberry non è facile! cioè per me non lo è. me l’ha settato un amico, io vado sul link e seguo le istruzioni, ma da sola non saprei come fare.

  9. Io ti ho trovata dopo averti vista su Deejay chiama Italia, ti ho cercata in rete perchè il titolo del tuo libro e del blog è il più geniale che ci sia al mondo.
    Anch’io ogni tanto sbircio le statistiche del mio blog e siccome un giorno ho avuto l’ardire di intitolare un post “fuori le tette!” (era per la campagna della Lilt) mi arrivano quelli che cercano tette in ogni versione: radiologo mi tocca le tette, tette in classe durante lezione… Poi un tenerissimo “cerco trentasettenne single” e un misterioso “ho avuto un grande”, mah!

  10. io ho visto il tuo libro in una vetrina e ho digitato “erounabravamamma” dopo aver telefonato a tua mamma per essere sicura che fossi proprio tu l’autrice del libro (sai mai fosse un caso di omonimia).
    banale..ma vero!

    p.s. mah!! povera Penelope

  11. un anno fa circa entravo nel nono mese di gravidanza e le mie amiche, per il compleanno, mi hanno regalato il tuo libro, dicendomi “vabbè manca ancora un po’”; ho finito il libro in 2 giorni e l’ho riletto 2 volte quando è nata la nana! allora non avevo la connessione a casa, ma poi dal libro al blog è stato un attimo…
    il libro l’ho regalato ad altre amiche incinte che a loro volta leggono il tuo blog insuperabile.

    il bambino che gioca solo con 2 pentole mi ha ribaltata dal ridere.. meno pensare che c’è chi lo digita…

  12. sapevo da tempo che tenevi un blog, ma non ci ero mai capitata. poi, dal blog della zitella acida sono andata su quello di ma che davvero? e da lì sono capitata qui, con piacevole sorpresa.
    d.

  13. Io ho un blog che si chiama “Mulo, setaccio e piccone”. Benché parli di cinema, mi cercano associando a “picconare” le cose più inimmaginabili e irripetibili.
    Mi/vi chiedo però: il nostro simpatico sistema blog di google non ci permette già, nell’apposita sezione “statistiche”, di avere già le informazioni (anche le chiavi di ricerca), senza usare analytics (che a una prima occhiata mi sembra compilcatuccio)?

  14. è successo anche a me! in questi gg non funzionava e si è mangiato mezzi commenti!! :( spero che ora rifunzioni tutto!!
    PS: grazie 😀 sono riuscita a far funzionare analytics!!! che bellezza!!!

  15. Io ho letto il tuo libro, volevo continuare a ridere e sorridere e a non sentirmi un mostro per come affronti la maternità e i temi sacri (allattamento, la vita di coppia, il ritorno al lavoro, ecc) e così ho digitato semplicemente “ero una brava mamma ” e google non mi ha fatto neanche finire che ti ha trovato 😉

  16. Paola: che fastidio!!! speriamo che ora torni a funzionare bene!!
    Ma analystic, perchè mi segna le visite di mercoledì e giovedì, invece venerdì e sabato dice che non è venuto nessuno?? cosa ho sbagliato? O_o
    PS. ricerca di oggi: “dottoressa a pecora…. mmh sono senza parole!!!

  17. E’ passato un po’ di tempo e sinceramente non ricordo bene…mi sembra però che ho scoperto il tuo blog dopo aver acquistato il tuo libro.
    Anche io ho avuto gli stessi problemi con Blogger…da quello che ho capito è stato un aggiornamento dello stesso mal riuscito…
    Ho guardato anche io i criteri di ricerca ma essendo il mio un blog che parla di lavori femminili non ho trovato nulla di particolare..comunque è veramente incredibile quello che le persone digitano su google per cercare delle risposte e come dici tu…ma come scrivono????

  18. Complimenti per il blog, davvero bello e divertente! Lo leggo da qualche giorno e l’ho inserito tra i preferiti.
    Ho appena aperto un blog anch’io, SE IL MONDO FOSSE DI ZUCCHERO FILATO, si parla di figli e ricette, spero passerai a dare un occhiata :-)
    A presto!

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *