Mi sembra di avere cento fratelli

Mo’ basta veramente, però
Martedì scorso, con parto da manuale e dieci giorni d’anticipo, la neomamma L. ha messo al mondo il nuovo fratellino della Pupa. A noi che da sei mesi abbiamo in casa la Piccolissima, la quale nel frattempo ha acquisito il peso specifico e la consistenza di un tondino di ferro, il bebé sembra lieve e microscopico. «Vorrà dire che ti chiameremo il Microscopico», ha detto con semplicità mia figlia. Conoscenti in transito nell’una e nell’altra casa continuano a rassicurarla e a complimentarsi: «Auguroni!». «Che fortuna che hai». «Un fratello è sempre una risorsa». «Pensa poveretti i figli unici, quanto si annoiano». «Beata te, avrei voluti averli io, due fratelli e una sorella». «Tutti i piccolini di casa ti adoreranno, vorranno fare quello che vuoi tu, vorranno somigliarti in tutto».
Convivere a volte è peggio di uccidere Mentre il geniale parroco di Cameri nelle ultime ore ha paragonato «le unioni non benedette da un matrimonio in chiesa» a «un omicidio, con la differenza che quest’ultimo è un peccato occasionale, mentre la convivenza un’infedeltà continuativa», nella nostra Bovisa operaia il Don di riferimento, alla notizia di una nuova nascita nella nostra famiglia allargata, vacilla ma non crolla. «Ci sono altri bambini in arrivo o per adesso ci fermiamo qui?» ci ha chiesto ieri con lo sguardo incerto, quando siamo andati a riprendere la Pupa all’oratorio estivo. «Spero di no. Guarda, già così mi sembra di avere cento fratelli», gli ha risposto lei citando il dottor Seuss. Poi se n’è andata trotterellando, in un’imitazione quasi perfetta di Maccio Capatonda (se non lo conoscete prendetevi 62 secondi per guardarlo). «Mo’ basta veramente, però», ripeteva. «Mo’ basta, mamma. Mo’ basta, papà. Mo’ basta, tutti. Grazie».

30 commenti su “Mi sembra di avere cento fratelli

  1. Pare che ci sia abbastanza folla per divertirsi e non annoiarsi per i prossimi dieci anni – fai quindici.
    mo’ basta, pero’!
    e congratulazioni!!

  2. Ma sul serio quel prete ha detto quella frase??non ci credo…quindi io che convivo da 2 anni sono una serial killer..ottimo!
    Ancora tanti auguri a tutti i componenti della tua bellissima famigli!
    Ps:Il concerto dei Pearl Jam è stato FAVOLOSO!!

  3. ma certo che sì. non l’ha solo detta, l’ha anche scritta nel bollettino parrocchiale. è poi intervenuto il vescovo di novara in persona per dargli del pirla. lui allora ha rettificato: “è vero, ho usato parole scorrette e inadeguate”. comunque non ha chiesto scusa.

  4. Congratulazioni alla pupa, all’intera famiglia allargata e benvenuto al nuovo fratellino!
    Frasi fatte o frasi stupide (o molto molto molto molto stupide) a parte, questa bimba ha capito le cose giuste e tutto il resto non conta!

  5. Ora: è bello che tua figlia sappia gestire la cosa da donna, anzi bambina, di mondo, con classe impareggiabile. Ed è vero che ci sono alcuni bambini che han fatto gran festa all’arrivo del PRIMO fratellino – rari come le gelate in Agosto in Val Padana, ma ci sono.
    PERO’ mi sembra che qui si stiano veramente approfittando dell’esemplare pazienza con cui la Pupa sta gestendo quella catastrofe nucleare nota come Arrivo Di Un Fratellino

    Per il parroco di Cameri mi sembrerebbe doverosa una sospensione di due anni per fargli ripassare un po’ di dottrina, perché mi sembra un po’ sguarnito su quel fronte.
    Saluti a tutta la tribù ^___^

  6. Augurissimi!!!! Soprattutto alla Pupa che ha la saggezza di un grande però capisco il mò basta che le è uscito!! Ancora auguri, che bella famiglia che siete!! Per il parroco non ci sono parole..

  7. Paola ho fatto una cosa brutta. sono andata su facebook a sbirciare il tuo profilo. mi sento una voyeuse, però le foto dei bambini sono bellissime!!

  8. Questi giorni mia figlia treenne, sta elaborando il fatto che la sorella di sei mesi rimarrà con noi, che non se ne va!e la cosa crea parecchi scompensi emotivi con risvolti tragicomici… E io mi ripeto una frase che o ho letto da qualche parte o qualcuno (fra i milioni di dispensatori di consigli gratuiti in cui ci si imbatte quando si hanno bimbi) mi ha detto: l amore si moltiplica non si divide. E tua figlia è una testimonial di questo motto. Brava, bravissima ragazza in divenire!

  9. Complimenti ancora e anche qui alla fratrìa allargata! E soprattutto alla Pupa che è epicentro di questo splendido smottamento! E intanto il tondino di ferro è sempre più bella!!!! 😀

  10. ciao! è da tanto che vorrei chiederti una cosa ma tutte le volte inizio a scrivere e poi finisco col cancellare per paura di scatenare polemiche, cosa che non vorrei! ci riprovo. in breve. io convivo serenamente e di quello che dice o non dice la chiesa non me ne po’ frega’ de meno perché non tengo l’opinione della chiesa nella benché minima considerazione. per questo faccio fatica a capire lo stupore/indignazione per certe dichiarazioni ecclesiastiche. certo quella dell’omicidio è esagerata, ma detta da un prete mi fa lo stesso effetto che se l’avesse detta il muro. in altre parole: non capisco lo stupore per la chiesa che attacca i conviventi, si sa che la chiesa la vede così, no? dunque se son cattolica mi sposo e se non lo sono me ne stracazzo allegramente di quel che dicono. ovvio che la mia è una visione semplicistica che riflette solo il mio punto di vista e proprio per questo se avrai tempo e voglia di affrontare il tema mi farà piacere! grazie!

    1. Sono d’accordo con te: anche io convivo e non mi curo particolarmente di ciò che dice la Chiesa. Però secondo c’è una bella differenza tra il dire che la chiesa non è d’accordo con la convivenza e dire che la convivenza è un omicidio. Mi sembra come minimo un’interpretazione personale!!Infatti, come ha scritto Paola, il vescovo stesso ha ripreso il prete. Qui secondo me si tratta di rispetto per le scelte altrui. E’ la mancanza di rispetto, il giudizio, che quella frase sottintende a far male. E’ come se io dicessi che tutti quelli che vanno in chiesa sono dei bigotti, moralisti, pedofili. Non credo che i cristiani ne sarebbero contenti! 😉

    2. @francescabianca: mi ero sposata in chiesa, credendoci. con la separazione e il divorzio sono uscita dalla comunità cattolica: non voglio stare in un posto in cui mi considerano un cristiano di serie b (esempio: tu puoi venire a messa, ma non puoi fare la comunione). però ho pensato di battezzare i figli e di lasciar loro gli strumenti per decidere in autonomia da grandi. la pupa mi ha chiesto di frequentare il catechismo e dunque mi ritrovo a rivedere certe facce, certi ambienti. con alcuni un dialogo è possibile, con altri molto faticoso. sono in ogni caso temi che s’intrecciano spesso alla mia quotidianità, e su cui rifletto. ecco perché ogni tanto ne parlo

    3. Per non parlare di quanto si fanno pagare gli annullamenti. La Sacra Rota ciuccia soldi da chi ha voglia di risposarsi in chiesa per non essere considerato di serie b…

    4. non volgio amplificare la questione, ma lavoro nei tribunali ecclesiastici, la storia dei costi è un falso, per chi non può permettersi un avvocato, il cui costo cmq è regolato da un tariffario (e chi piscia fuori dal vaso cmq viene redarguito a dovere) c’è l’avvocato d’ufficio. Prima di arrivare alla Sacra Rota ci sono i tribunali ecclesiastici regionali, alla sacra rota ci si arriva solo in ultima istanza e solo se si vuole, non è necessario, dipende dal risultato dei processi canonici regionali. cmq prima di parlare informarsi è carino e non parlare solo per sentito dire. è vero c’è chi affronta le cause di nullità ( non annullamento) solo per rifare la festa in chiesa, am ce ne sono altrettanto che lo fanno perchè invece ci credono. scusa Paola, non è un attacco a nessuno. Anna

  11. Durante il corso prematrimoniale (ed a cosa serve me lo devono spiegare!) venne fuori che: l’omicidio è perdonabile….il divorzio non lo è….quindi per la chiesa….uccidere la propria moglie/marito è meglio di divorziare!!! Il prete non sapeva come controbattere! Avevamo trovato la falla nel sistema!!!!
    Della questione matrimonio in chiesa ho odiato….che devo chiedere il permesso alla parrocchia di residenza(mio marito aveva gia preso la residenza a casa nuova….e sto prete voleva si celebrasse li….ma chi lo conosceva!) e poi se voglio fare un matrimonio economico…perchè mi devi costrigere a mettere fiori sull’altare o altre 1000 posti? E se non volessi i fiori i chiesa???? Se volessi solo la cerimonia ma non mi importa di far la pompa magna????
    Erin

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *