Come posso io, non celebrarti vita

Bentornata, me lo dico da sola ma sarò contenta se lo farete anche voi. So che il titolo di questo post potrebbe procurarvi un sottile brivido di piacere ma più probabilmente vi spingerà a dire: «Ancora Jovanotti? Mobbasta veramente, però». Mike Delfino, per esempio, avrà questa reazione. Ma va capito. Oltretutto è anche un po’ geloso. Perché un 12 luglio caldissimo di […]

Continua »

Quello che le mamme non fanno

Breaking news: proprio mentre mi accingevo a scrivere un nuovo post, una mia lettrice e amica mi ha segnalato l’esistenza di un blog e di una pagina Facebook che portano (quasi) il nome del mio libro: rispettivamente Erounabravamamma.wordpress.com e (su Fb) Ero una brava mamma prima di avere dei figli (dei?). La brillante autrice, per sentirsi più sicura, già […]

Continua »

Un’estate davvero speciale

I matti vanno contenti, tra il campo e la ferrovia Mia madre al telefono dalla Liguria, dov’è confinata coi Pupi, mi chiede ogni giorno: «Avete finito?», col tono del «Quanto manca?» che hanno i bambini in auto. Ma so che ha ragione, questo cantiere interminabile ci ha squassato, e proprio ora, ora che mancano una manciata di coprifili […]

Continua »

Alle Maldive coi bambini (cioè coi Pupi)

Sono nei detriti spaziali    Pensavo, come state? Noi come i topi restiamo acquattati nella nostra tanetta, mentre i lavori di ristrutturazione della casa nuova tardano, indovinate un po’, a cominciare. Una settimana, due settimane, quasi tre. L’impresa parte finalmente al fotofinish a due giorni da Pasqua, poche ore prima che Gesù salga sul Golgota. Noi incrociamo le […]

Continua »

Le conseguenze di Sanremo

Per tutti un’ora d’aria, di gloria  Un post forse fuori tempo perché il Festival di Sanremo è quella cosa di cui si parla tantissimo ma solo per una settimana all’anno – poi scompare nel nulla, inghiottito da questioni più serie come quella del povero ragazzo – e dei poveri genitori – di Genova e da altre […]

Continua »

Post forse un filo malinconico, però

Attraversiamo gennaio a fatica. L’aria a Milano come altrove è pesante, i Baustelle somigliano sempre di più a un incrocio tra Battiato, Jacques Brel e Pascoli; Mike Delfino va ad Amsterdam esattamente cinque giorni prima di un mio esame dal nome incomprensibile. Qualcuno mi dice che le università a distanza – la mia – non valgono come le altre, […]

Continua »