Le conseguenze di Sanremo

Per tutti un’ora d’aria, di gloria  Un post forse fuori tempo perché il Festival di Sanremo è quella cosa di cui si parla tantissimo ma solo per una settimana all’anno – poi scompare nel nulla, inghiottito da questioni più serie come quella del povero ragazzo – e dei poveri genitori – di Genova e da altre […]

Continua »

Post forse un filo malinconico, però

Attraversiamo gennaio a fatica. L’aria a Milano come altrove è pesante, i Baustelle somigliano sempre di più a un incrocio tra Battiato, Jacques Brel e Pascoli; Mike Delfino va ad Amsterdam esattamente cinque giorni prima di un mio esame dal nome incomprensibile. Qualcuno mi dice che le università a distanza – la mia – non valgono come le altre, […]

Continua »

Come vivere in 68 mq in cinque

Giacché nell’esistenza niente o quasi è lineare, un paio di mesi fa abbiamo avuto un piccolissimo incidente, fallendo l’acquisto della nuova casa in cui avremmo voluto andare ad abitare. E così – avendo venduto nel frattempo la nostra, quella in cohousing, in cui abbiamo vissuto per sette anni e di cui ho tanto scritto in passato – ci […]

Continua »

Forse sono tornata

Non passa giorno senza che io pensi al blog e dica a me stessa che forse dovrei chiuderlo – perché da troppo non scrivo. Ma perché da troppo non scrivo? Il tempo (che manca sempre) è uno dei motivi ma non l’unico; mancava anche prima, eppure lo trovavo. All around me are familiar faces   In effetti se guardo […]

Continua »

Titanic

Aveva da giorni una tosse strana la Piccolissima, una tosse che saliva di notte e la raschiava da dentro – ma io ero lontana. Lei in Liguria, con i suoi fratelli e con i nonni a finire le vacanze; io e Mike Delfino già a Milano, di mezzo troppi chilometri perché potessi sentirla respirare. La […]

Continua »

Di noi mamme coi figli in trasferta

Dopo Stoccolma volevo sbrigarmi a liberarmi dei bambini e ho chiesto a Mike Delfino di portarli al mare dai nonni al più presto. Nell’urgenza di separarmi da loro ho provato un misto di vergogna e sollievo. Alla fatica dei giorni svedesi si era aggiunto un viaggio di ritorno surreale – è tipico mio prenotare a gennaio i biglietti per una vacanza che faremo a luglio […]

Continua »

Scambio casa con la Svezia

Dice che Stoccolma è una città perfetta per i bambini – rispondo: sarà anche vero, ma non per i nostri. I Pupi dacché siamo partiti sono terribili. I ratti maggiori, 7 e 11 anni, sarebbero perfettamente in grado di giocare assieme ma passano il tempo a farsi dispetti. Il Pupo esplora in parallelo le sillabe e […]

Continua »

Bulli e Pupi

E così l’altro giorno il Pupo, aka il bambino-miele, 7 anni, è tornato dall’oratorio estivo sconsolato, «Mamma, ci sono dei bulli. Mi hanno spinto, mi hanno chiesto “Che ci-a-zeta-zeta-o vuoi”, sì, lo so! non devo dire quella parolaccia ma era per farti capire. Poi uno di loro che va in prima media ha detto a me e al […]

Continua »